“Inhabiting/ Uninhabit/ Re-inhabit” 2016

 

13047683_10154212243219940_847527963649580376_o

 

 

uffa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 video part 1

 video part 3

Our own body is our own first house. Every instant of our life we inhabit ourselves.

STAGE 1 – 2

INHABIT: What does inhabit ourselves mean?. It means to listen ourselves, to observe our own body/house, to monitor its functions through the observation of its components. An uninhabited body/house is not listened, is not lived, is not experienced, it has no spaces to feel relaxed, no voices no sounds, it does not take care of anyone, and, like an abandoned building, it  slowly becomes ruined and looses its identity.

Listenign our own body:

HEART: organ that releases beats: to run, to walk, to stand still. By using a stethoscope we listen our heart beatin;, our own body/house is inhabited by heart and its beat resound inside us. Listening practices.

LUNGS: Organs receving and relasing air: to breathe during the race, to breathe during the wolking, to breathe in a relaxed state. By using a stethoscope we listen our breath going in and out from our lungs. WE measure the rhythm of our breath during the race, during the walking, in a relaxed state.

SKELETON: our own body/house has a bone structure  supporting it: we measure our own anthropometric index to measuring practices.

SKIN: is the edge from our own body/house and the external world, like walls of the house are the border between inside and outside. With our touch we can go in deep contact with external objects. We feel emotions, our skin changes  color. Practice of observation of our  skin geography.

VOICE:

Our own body/house has a voice to communicate with the outside world, we do some exercises to measure our voice. We use a tuning fork to tune our voices.

Instrument of our own body/house measurement

Stéthoscope, taylor’s meter, macon meter, lends, microscope, staff, glue, trumpet, oranges, squeezer, hourglass, tuning fork etc..

Place to study our body home and its components: a wood or an outside place like meadow, or a natural park. Duration of the action: 5 hours. The students will be enable to perform collectively and to realize drawings about the different analysis and experiences made with their body; using various non conventional measuring instruments. In this way it will be possible to reflect on the possibilities of tell about an experience as if it was a game.

UN-INHABIT: After analyzing and inhabiting our own body/house it will be possible to re-inhabit an un-inhabited place. What does uninhabited place mean? Why was it uninhabited? What’s happen to a house, to a place, or to a village when it is uninhabited for a long time? An uninhabited place is a place that lost its living. Through the visit of an uninhabited place we find out its  characteristics. It is assumed to visit Piedicave, a small uninhabited village close to Ascoli Piceno. The village failed to life, people are missing, nobody live here. An uninhabited place could be differently inhabited by nature. How does the nature inhabit a desert place? How an inhabited body can live in an uninhabited place? The students will be enabled to develop some small projects concerning the meaning of re-inhabiting.

STAGE 3

RE_INHABIT: The students will interact with this abandoned place and space through their body, creating new ways of living. They could work individually or in a group.

RE-INHABIT A VILLAGE: configure an action concerning the meaning of re-inhabit

LISTENING

(we listened our to hearts beating, to own breath, we measured our bodies, we listened and read exercises of our own body/house). Now we shall listen to the silence and to the sounds of this place. Design an installation having the issue as its cornerstone. Listen to silences, hear the sound of the wind, listen to the sounds of empty spaces in the uninhabited houses and in the abandoned squares. How to put in evidence this kind of suggestion? How to highlight this kind of suggestion? What is the kind of dialogue between our body and the body of this abandoned place? Listen to the  silence, force the body to silence.

THE BODY – OUR OWN BODY – THE BODY IN THE SPACE – THE HAND – THE WALL – THE BODY – THE FOOT – THE FLOOR – THE EDGE FROM THE BODY AND THE PLACE

to configure an action to emphasize the link between the body and space. To choose a space (a room, a square, an inner space, a cantine, a street) and think about the relationship between body and this space, for example: repairing an element of this space, realizing something that can restart some relation or can show the inpossibility of  relation. The single body, the collettive body; which is the difference comparing them with the use of the space? Repairing a wall to create a passage, a communication from one space to another, to close a wall, highlight a boundary, create a human border. To clean a room to be together; to invite our collegues. (to draw, to re-paint a wall to re-write something on). To realize a game with the abandoned objects  we can find around, an hammok ? A swing? Get in touch only through a displacement, a raising, a dislocation or  disorientation.

PATH – RELATION

To design a path that emphasizes a relation between inside and outside. A system of episodes in which something can happen, for example in which it could be possible to make visual, olfactory or tactile experience. A path of games? A path of mistakes?.

INTIMATE – PLACE

To design a space where you enter a dimension of intimacy with people. To work on the use of darkness, on the sense of inner space. Some indications: to allow in this space two people an to put them in condition to live the intimate experience. Preparing something to stimulate this condition, or prepare something familiar that evokes intimacy.

TELLING OBJECTS

To design a path in which it is possible to discover a series of objects belonged to someone. To tell their provenances, to gather those objects and positionate them in a different way. To realize a museum of lost objects, give to them another story, to invent another usage of them, realizing with it something new with a different function.

Il nostro corpo è la prima casa e noi stessi siamo i suoi primi abitanti. Ogni istante della nostra vita abitiamo noi stessi.

Inhabiting/Uninhabit/Re-Inhabit, presentato ad altro_studio, studio di architettura sperimentale sul tema dell’abitare, racconta l’esperienza di un  workshop curato da Maria Chiara Calvani con gli studenti del corso di Progettazione Architettonica dell’Architetto Anna Rita Emili presso la Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. L’artista ha proposto di osservare e ascoltare il corpo pensandolo come una casa, attraverso una serie di performance dove movimenti, ritmi sonori, uditivi e visivi sono  stati misurati con strumenti non convenzionali che spostano l’attenzione dalla misurazione scientifica a quella emozionale. Il workshop è stato articolato in tre incontri. Durante il primo incontro l’artista ha proposto agli studenti di riflettere su alcuni progetti di tre artiste di fama Internazionale: Rebecca Horn (Germania), Geta Bratescu (Romania), Teresa Burga (Perù) e di interpretare attraverso un’azione performativa o installativa i significati desunti dall’osservazione delle opere. Durante il secondo incontro attraverso delle azioni performative, gli studenti sono stati invitati a fare degli esercizi di  ascolto delle loro case/corpo, le esperienze e le suggestioni emerse  saranno presentate attraverso delle video interviste e degli elaborati grafici. Dopo aver abitato, attraverso un ascolto attento, la propria casa/corpo, il workshop ha visto gli studenti confrontarsi con la possibilità di sviluppare dei piccoli progetti performativi o installativi in un paese abbandonato della provincia di Ascoli Piceno. L’esperienza del ri-abitare un luogo disabitato dopo aver abitato il proprio corpo è stata una prima tappa di possibili altre azioni che porteranno nuove comunità di studenti e di ricercatori a concentrare la propria creatività su  quanto di vissuto e di lasciato all’abbandono ed all’incuria nelle provincie italiane.

 

STAGE 1 – 2

ABITARE: Cosa significa abitarsi? Significa ascoltarsi, osservare la nostra casa corpo, monitorare il suo funzionamento attraverso l’osservazione e l’analisi delle parti che lo compongono. Una casa corpo disabitata non è ascoltata, non è vissuta, non ha spazi dove potersi sentire a proprio agio, non ha né voci né suoni, non accoglie persone o corpi e, come un edificio non vissuto, lentamente si deteriora, perde la sua identità.

Ascolto del nostro corpo:

CUORE: organo che emette battiti: correre, camminare, rimanere fermi. Con uno stetoscopio ascoltiamo il cuore che batte dentro di noi, la nostra casa è abitata dal cuore ed il suo battito risuona dentro la casa. Pratiche di ascolto condiviso del cuore.

POLMONI: Organi che ricevono aria ed emettono aria: respirare durante la corsa, respirare camminando, respirare stando Fermi. Con uno stetoscopio ascoltiamo il respiro che entra ed esce dai nostri polmoni; misuriamo il ritmo del respiro mentre corriamo, mentre camminiamo, mente ci riposiamo.

SCHELETRO. la nostra casa/corpo ha una struttura ossea che la sostiene: misuriamo i nostri indici antropometrici. Pratiche condivise  di misurazione della nostra struttura scheletrica.

PELLE: è il limite tra la nostra casa/corpo e il mondo esterno, come le pareti di una casa sono un bordo tra il fuori e il dentro. Con il tatto dialoghiamo con gli oggetti; i corpi esterni lasciano sulla nostra pelle residui di un contatto. Cosa succede quando i corpi esterni sono altri corpi? Facciamo degli esercizi per misurare la geografia della nostra pelle.

VOCE: la nostra casa/corpo ha una voce che ci mette in comunicazione con il mondo esterno, facciamo degli esercizi per misurare la nostra voce: emettiamo dei vocalizzi e accordiamoli. Utilizziamo un diapason per accordare i suoni e le note che emettiamo. Intoniamo una nota singolarmente, poi in gruppo.

Strumenti di misura della nostra casa/corpo

Stetoscopio, metro da sarta, metro da muratore, lenti, microscopio, vetrini, diapason, garze, creta, colla, funi, fiale, nastri, fili etc…

Luogo per studiare la nostra casa corpo e le sue componenti: un bosco o un luogo naturale aperto, isolato da rumori es. un prato. Durata dell’azione: 5 ore. Gli studenti saranno messi in condizione di vivere le diverse azioni come fossero delle performance collettive e di produrre dei disegni che raccontano in modo narrativo le analisi e le sperimentazioni effettuate attraverso gli strumenti di misura e di lettura particolareggiata del corpo. In questo modo si rifletterà insieme sulle possibilità di raccontare un’esperienza di misurazione sotto forma di gioco, sull’uso di strumenti non convenzionali per la misurazione del corpo.

DISABITARE: Dopo aver analizzato la nostra casa/corpo ed averla abitata, andiamo a riabitare un luogo da tempo disabitato. Perché solo se ci si abita si può abitare e ri-abitare uno spazio disabitato. Solo se ci si orienta nello spazio del sé si è in grado di orientarsi in un luogo i cui connotati spaziali relativi alle caratteristiche di domesticità sono stati perduti da tempo. Cosa significa luogo disabitato? Perché è stato disabitato? Cosa accade ad un corpo, una casa, un paese quando è disabitato?

Un paese disabitato è un luogo che ha perduto il suo vissuto. Andiamo a visitare un paese disabitato e scopriamo che caratteristiche ha. Si ipotizza la visita al paese di Piedicave  (Ascoli Piceno) disabitato da molti anni. Il paese è svuotato di vita, mancano i corpi delle persone che svolgono azioni quotidiane, che parlano, che vivono delle emozioni. Un paese disabitato potrebbe essere altrimenti abitato da insetti, da animali, la natura si impossessa del paese e lo abita a modo suo. Come lo abita? Che differenza c’è per un corpo abitato vivere in un paese disabitato rispetto al vivere un paese abitato? Un corpo da me abitato come può abitare una casa o un luogo disabitato? Dopo che abbiamo fatto l’esperienza di abitare il nostro corpo andiamo a ri-abitare un luogo disabitato. Cosa scopriamo, come ci muoviamo? Qual è la prima cosa che facciamo per ri-abitare questo luogo disabitato?.

STAGE 3

RI-ABITARE: Gli studenti dovranno lavorare con il proprio corpo e interagire con lo spazio disabitato, generando delle nuove modalità per ri-abitarlo. Potranno lavorare singolarmente o in gruppo e progettare delle performance con i loro corpi. Potranno svolgere azioni di confine tra l’abitare il corpo e il ri-abitare lo spazio.

RI-ABITARE UN PAESE: Progettare un’azione, fare emergere un aspetto del RI-ABITARE uno spazio disabitato.

ASCOLTO

(abbiamo ascoltato il battito dei nostri cuori, il nostro respiro, abbiamo preso le misure dei nostri corpi, fatto esercizi di ascolto e lettura delle nostre case/corpo). Adesso ascoltiamo il battito vitale costituito dai silenzi e dai suoni di questo paese. Pensare ad un’installazione che abbia per tema l’ascolto di questo luogo. Ascolto dei suoi silenzi, delle voci delle persone che un tempo lo abitavano, dei suoni, degli echi del vento, di una natura che si impossessa sempre di più dei suoi spazi, degli spazi vuoti e dei loro oggetti domestici che un tempo lo abitavano. Come fare emergere questo silenzio? Come l’uso del nostro corpo puoi mettere in evidenza questo silenzio, può entrare in dialogo con i suoni che questo luogo produce? In che modo? Un corpo capace di ascoltarsi come può entrare in dialogo con uno spazio? Che dialogo può instaurare  questo luogo abbandonato con noi? Esempio: un’azione che vuole mettere in risalto il silenzio come primo momento di un dialogo. Come fare? Ascoltare il silenzio, forzare il nostro  corpo al silenzio, cosa ci fa venire fuori? Il silenzio ci da la possibilità di sfrondare il brusio, la confusione del rumore non necessario, ci stimola all’ascolto di noi stessi o di voci e suggerimenti sonori che ci aprono delle strade creative. Si sta 20 minuti in silenzio, lo si valorizza, cosa ci dice alla fine? Cosa ci lascia?.

IL CORPO – IL NOSTRO CORPO – IL CORPO NELLO SPAZIO – LA MANO – IL MURO – IL CORPO – LA PARETE – IL  PIEDE – IL PAVIMENTO – IL CONFINE TRA IL CORPO E IL LUOGO

Progettare un’azione che sottolinei il tema del corpo in relazione allo spazio. Scegliere uno spazio (una stanza, una piazza, un interno, un pianerottolo) e relazionarsi ad esso costruendo un oggetto al suo interno, riparando un elemento, realizzando qualcosa che stabilisca una nuova relazione tra il nostro corpo e lo spazio di una stanza (o che evidenzi un’impossibilità di relazione, o una possibilità). IL CORPO SINGOLO – IL CORPO COLLETTIVO in relazione allo spazio. Riparare un muro per creare un passaggio, una comunicazione tra uno spazio e l’altro? CHIUDERE – ALZARE UN MURO? METTERE IN EVIDENZA UN CONFINE ? Pulire una stanza dove fare qualcosa insieme? (disegnare, ridipingere una parete per poi disegnarvi sopra un progetto), una stanza per suonare, per cantare, per stare ? Realizzare un gioco con i materiali che si riescono a trovare nei dintorni ? (un’amaca, un’altalena?), entrare in contatto semplicemente attraverso lo spostamento, il sollevamento e la dislocazione di oggetti?.

 

 

PERCORSO – RELAZIONE

Progettare un percorso che sottolinei una relazione tra lo spazio interno ed esterno. Un sistema di episodi in cui avvengono delle cose, dove per esempio si faccia esperienza visiva, olfattiva, tattile, di cose e oggetti che si trovano disposti in questi luoghi durante il percorso. Un percorso fatto di giochi disegnati su varie superfici? Un percorso di sbagli ed errori?.

INTIMO – LUOGO

Progettare uno spazio in cui si entra in una dimensione di intimità con le persone. Lavorare sul buio, sulla luce, sul fuori e sul dentro. Come creare questa sensazione di intimità ? Facendo entrare una persona alla volta e dandole delle indicazioni sul cosa fare non appena entrata? Preparare delle sorprese che la mettano in condizione di vivere una sorta di imbarazzo oppure di rivivere un vissuto intimo, qualcosa di familiare che le evoca una sensazione di intimità?

OGGETTI RACCONTANO

Progettare un percorso dove si incontrano una serie di oggetti appartenuti un tempo a questi spazi e vissuti dalle persone che un tempo vivevano in paese. Raccontare le loro provenienze, raccoglierli, pulirli, ridisporli in maniera diversa, realizzare una sorta di spazio museo di reperti, dargli una nuova storia, realizzarci qualcosa di nuovo.

 

 

 

 

 

 

Part 1

thumb_img_7457_1024

 

thumb_img_7444_1024

 

thumb_img_7474_1024

Projection about Rebecca Horn ‘s work – Rebecca Horn group studying her artistic research

thumb_img_7449_1024

 

Projection about Geta Bratescu ‘s work – Geta Bratescu group studying her artistic research

thumb_img_7478_1024

 

 

thumb_img_7450_1024

 

Projection about Teresa Burga’s work – Teresa Burga group studying her artistic research

Part 2

img_7789

 

img_7796

 

img_7798

 

img_7797

 

img_7809

 

img_7808

 

 

img_7833

 

img_7846

 

img_7850

 

img_7853

 

img_7861

 

img_7845

 

img_7875

 

Part 3

img_8041

 

img_8042

 

img_8049

 

img_8051

 

img_8055

 

img_8062

 

img_8077

 

img_8082

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: